Citazioni.org

La capra rosso-bianco-nera, la quale ha generato molte altre creature [prajā] a lei simili, un capro la monta godendo; l'altro capro l'abbandona, poiché di lei ha già goduto. (IV, 5; 2007) - Śvetāśvatara Upaniṣad


Uno solo è Dio; non ci può essere un secondo. | È Mostrare più
Si raggiunge la pace incondizionatamente Mostrare più
Allorché la virtù dello Yoga in quintuplice m Mostrare più
L'Uno, senza gradazioni di colore, si manifesta | Mostrare più
Il saggio, avendo collocato il proprio corpo in Mostrare più
Al di là dell'oscurità non v'è né giorno, né nott Mostrare più
L'Eterno che risiede nell'ātman deve essere Mostrare più
Due sono celate nella indefettibile città del Mostrare più
Due sono, non-nati, il conoscitore e l'ignorante; Mostrare più
L'anima individuale <così> si determina Mostrare più
La scuola dello Yajur Veda Bianco si differenzia Mostrare più
Già le Upanishad del periodo vedico lasciavano Mostrare più
A partire dal II millennio lo Śivaismo viene Mostrare più
Raimon Panikkar, I Veda. Mantramañjarī, a cura d Mostrare più
Tra l'ano e l'organo virile si trova il centro di Mostrare più
Upaniṣad antiche e medie, a cura e traduzione d Mostrare più
Quando la Dea dormiente è risvegliata per la Mostrare più
Il governo montenegrino ha mostrato Mostrare più